Contatti

CHI SIAMO

L'associazione Veneto Cultura è costituita da un team di esperti in diversi ambiti disciplinari che mettono a disposizione le proprie competenze per promuovere il patrimonio culturale e paesaggistico del Veneto.

Daniele Brancaleoni (musicologo)

Marianna Colusso (archeologa)

Viviana Colusso (operatrice didattica)

Paolo Ervas (storico dell'arte)

Beatrice Luise (archeologa)



COSA FACCIAMO

L'associazione Veneto Cultura porta avanti la sua mission attraverso varie attività che investono diverse competenze e riguardano principalmente:

progettazione di eventi culturali

attività didattica per le scuole

creazione di itinerari culturali

pubblicazione di contenuti di carattere storico culturale attraverso il suo portale www.venetocultura.org
PROGETTI REALIZZATI

L'ARCHITETTURA PALLADIANA E IL PAESAGGIO VENETO



Seminario itinerante organizzato dalla FAVEP (Federazione delle Associazioni Venete dello Stato del Paranà) per studenti brasiliani di architettura dello stato del Paranà, in collaborazione con l'Associazione Veneto Cultura.
Dal 13 al 17 ottobre 2014.

VEDERE LA MUSICA, ASCOLTARE LE IMMAGINI

Due eventi di approfondimento culturale all'interno del Museo di Santa Caterina di Treviso

25-1-2015; 1-2-2015

L'Idea:
Stimolare nel pubblico una riflessione sul linguaggio artistico della musica e dell'arte figurativa attraverso i secoli che faccia comprendere la capacità immaginativa che stava alla base della creazione artistica e la qualità emozionale che tali opere ci trasmettono. Una capacità e una qualità che l'uomo contemporaneo rischia di perdere nell'appiattimento acritico sulla moderna tecnologia che sopisce i nostri sensi.
È quello che Italo Calvino affermava nelle Lezioni Americane(1985) quando elencava la Visibilità tra le qualità fondamentali dello scrittore. "Se ho incluso la Visibilità nel mio elenco di valori da salvare è per avvertire del pericolo che stiamo correndo di perdere una facoltà umana fondamentale: il potere di mettere a fuoco visioni a occhi chiusi, di far scaturire colori e forme dall'allineamento di caratteri alfabetici neri su una pagina bianca, di pensare per immagini." Il pensare per immagini però non caratterizza solo l'azione creativa della scrittura, ma quella di qualsiasi forma d'arte. Così il musicista, come lo scrittore, ha in mente delle immagini quando compone la sua musica e quelle immagini veicolano le sensazioni che egli vuole trasmettere, e così il pittore o lo scultore, come nel caso di Michelangelo che vedeva con la mente le figure da realizzare dentro il blocco di marmo e poi le faceva emergere per forza di levare dalla materia che le ricopriva. Ma il pensare per immagini può riguardare anche una dimensione creativa più ampia, abbracciando il pensiero tecnologico e perfino quello filosofico.

L'argomento dei due eventi tratta il rapporto arte musica all'interno dell'iconografia legata agli strumenti musicali presenti in opere artistiche del periodo moderno e contemporaneo appartenenti alle collezioni del museo.

Primo evento



Secondo evento

Partecipazione alla rassegna Teatro & Musica organizzata dall'Associazione Alcuni in collaborazione con Veneto Cultura.


Serata di chiusura della mostra dedicata a Lorenzo Vespignani